Il Circuito del monte Comune

20.3.2011: Festa della primavera sul monte Comune, con Ulyxes e Lerka Minerka.

Il monte Comune è una montagna atipica nel settore occidentale dei monti Lattari: ricca di prati, pascoli, ha un profilo decisamente dolce se confrontato, ad esempio, con le aspre e brulle cime del vicino Sant’Angelo a Tre Pizzi. In genere lo si attraversa per l’Alta Via, da Santa Maria del Castello ad Arola, oppure lo si raggiunge da Preazzano passando per pascoli e fattorie. Tuttavia anche il monte Comune nasconde un’anima degna dei suoi imponenti dirimpettai: il versante che si affaccia sul golfo di Salerno è aspro, ripido, impervio, e nonostante tutto è stato anch’esso addomesticato dall’uomo nel corso nei secoli, terrazzato fin dove possibile ed attraversato da sentieri sospesi tra mare e cielo.

Oggi abbiamo ripercorso uno di questi sentieri, ormai abbandonato da tempo e dunque quasi totalmente riconquistato dalla natura, partendo da Santa Maria del Castello e raggiungendo la Sella di Arola costeggiando il versante sud, attraverso Capodacqua, Fiossa, l’Ulivella, toponimi ormai che resistono solo sulle carte topografiche giacchè tutta l’area è stata praticamente abbandonata sia dai pastori che dagli agricoltori: è la cosiddetta Bassa Via dei Lattari che idealmente si congiunge con Montepertuso, Nocelle, il Sentiero degli Dei e poi la via Maestra dei Villaggi che arriva fino ad Amalfi.

Il sentiero è percorribile solo da escursionisti molto esperti, che assolutamente non soffrono di vertigini perchè abbastanza esposto, in alcuni tratti è attraversato da rovi, in altri si perde e dunque occorre andare “a naso”, è ricco di saliscendi, in qualche punto occorre usare le mani, tuttavia non delude mai le aspettative e regala scorci di panorama unici e un ambiente praticamente intatto.

Santa Maria del Castello (670) – Capo d’acqua (562) – Fiossa (527) – Ulivella (548) – Alta Via (568) – monte Comune (877) – Punta Calabrice (869) – Santa Maria del Castello (670)

clic sul monte Comune per accedere alla galleria fotografica

Lascia un commento


*